LAVORARE NELLE FATTORIE DI MEZZO MONDO

Con Wwoof ospiti in 12.000 fattorie biologiche di 53 Paesi in cambio di poche ore di lavoro quotidiano. Una vera forma di ecoturismo.

Si può viaggiare in mezzo mondo ospiti di fattorie in cambio di alcune ore di lavoro. Lo propone la World Wide Opportunities on Organic Farms (Wwoof),  una organizzazione fondata nel 1971 in Inghilterra per rendere accessibile la natura e il lavoro agricolo ai cittadini, è oggi diffusa e radicata in 53 Paesi di tutti i cinque continenti.

UNA RETE DI DODICIMILA FATTORIE BIOLOGICHE

Wwoof è collegata a 12.000 fattorie biologiche (si trova l'elenco sul sito web) frequentate ogni anno da 80.000 lavoratori volontari. Permette di essere ospitato (vitto e alloggio) per giorni, settimane o mesi in cambio di alcune ore di lavoro agricolo, a volte giardinaggio o orto-colture, non è richiesta esperienza ma solo la disponibilità a faticare. Ci sono volontari che passano da un'azienda agricola all'altra, di diversi Paesi, viaggiando sempre. Le regole e le ore di lavoro cambiano di Paese in Paese (verificare sul sito). In Gran Bretagna si lavora ad esempio per 4 ore al giorno 5 giorni a settimana. In Giappone 8 ore al giorno 6 giorni a settimana. Si tratta di esperienze comunitarie, occasioni per fare  nuove conoscenze, vivere nella natura e – secondo i dettati dell’ecoturismo – scoprire un ego migliore di quello di tutti i giorni.


Se ti è piaciuto l'articolo fai una donazione anche di un solo euro. Questo sito è finanziato dal contributo dei lettori. Grazie

03/12/2012
World Wide Opportunities on Organic Farms
Esempio di Wwoofer in Italia
Sezione italiana Wwoof