LA MAREMMA DA SCOPRIRE A PIEDI

Per visitare, lungo il corso del fiume Albegna, boschi di querce e lecci, zone di riproduzione dei rapaci, riserve faunistiche. E borghi e casolari dove la storia della Toscana, dagli Etruschi al Rinascimento, si mescola alle tradizioni di un mondo antico

Testo e foto di Carla Pau

Un viaggio a piedi nell'Alta Maremma meridionale toscana fino al suo centro pulsante, protetto da una natura selvatica e potente, alle pendici del vulcano spento del Monte Amiata, è un itinerario insolito e alternativo alla scoperta di un territorio affascinante tra mare e montagna, l'Alta Valle del fiume Albegna. E di comunità che, a causa del lungo isolamento, conservano tradizioni, ricette e leggende singolari.

TRA LE DOLCI COLLINE MAREMMANE

Lasciandosi alle spalle la costa bagnata dal Mar Tirreno, risalendo tra le dolci colline maremmane, si arriva a Roccalbegna, borgo di origine longobarda che manifesta con architettura ed emergenze artistiche il dominio della Repubblica di Siena. Dal cassero i signori senesi vigilavano su tutta la Valle. E prima di loro dalla Rocca i conti Aldobrandeschi – che “possedevano tanti castelli quanti sono i giorni dell'anno” - controllavano le vie di transito intorno al borgo fortificato. Alle sue spalle, oltre le gole del fiume - che attraversa impetuoso l'abitato nei pressi di un antico mulino – domina sulla Valle una insolita piramide, il Monte Labbro. Salendo sulla sua cima (1193 m) si scoprono i ruderi della Torre Giurisdavidica di David Lazzaretti, resti di un progetto che comprendeva una chiesa, una casa e riuniva intorno a sé l'idea di una nuova società partecipativa. Dalla cima dei poggi sormontati dalle fortezze in rovina dei borghi di Semproniano e Rocchette di Fazio, ci si affaccia alle Terrae: conservano quasi intatto l'aspetto morfologico pre-guerra, delimitati da siepi, arbusti di basso e alto fusto, muretti a secco, dove il fiume scorre tra strette pareti di roccia, prati pascoli e campi coltivati a vite e ulivi secolari.

ANTICHI SENTIERI

Oggi la viabilità è cambiata, come è mutata la nostra concezione di avventura, viaggio, spostamento, fatica, tempo. Camminando nella macchia tra antichi sentieri, mulattiere, strade dogane (le vie per la transumanza), ci riavviciniamo a quella dimensione umana, in armonia con l'ambiente, per immergerci in un'atmosfera perduta nel tempo. Per cambiare punto di vista tra fossi, torrenti, campi incastonati tra alti poggi, prati pascoli e castelli. Sui passi dei popoli etruschi e romani, di monaci e pellegrini, di signori e generazioni di contadini, boscaioli e pastori, lungo itinerari percorsi fino a non molto tempo fa solo a piedi o su un mulo, per lavoro e necessità.

INSEDIAMENTI ETRUSCHI, ROMANI E LONGOBARDI

Lungo il corso del fiume, dalle sorgenti nel Monte Buceto (1168 m) alla foce ad Albinia, si  localizzano gli insediamenti della civiltà etrusca a cui è subentrato l'impero di Roma e le grandi famiglie signorili. E si scopre, con buon livello di approssimazione, la viabilità protostorica e storica fino al Medioevo e oltre: facilitata dal corso del fiume che ha condizionato la storia della Maremma meridionale toscana. Questi luoghi custodiscono nel fitto di boschi di querce, lecci e altre piante sempreverdi, i ruderi di mulini e antichi casali, conventi longobardi, capanne e poderi opera di maestri della pietra, diverticoli di Via Clodia, Via Francigena e strade dogane. La ricerca archeologica ha portato alla luce significativi resti di epoca etrusca e romana, come la Necropoli etrusca del Puntone tra Semproniano e Saturnia, e la Fattoria Etrusca presso il Podere Tartuchino vicino a Rocchette di Fazio.

RISERVE NATURALISTICHE

Il territorio compreso tra Monte Labbro e Rocchette di Fazio è un Sito di importanza comunitaria (Sic) - caratterizzato da "formazioni erbose secche su substrato calcareo con stupende fioriture di orchidee" e dalle "foreste dei Valloni di Tilio-Acerion". Nonché  Zona di protezione speciale (Zps) per i rapaci (varie specie), che insieme a cinghiali, caprioli, tassi, istrici e lepri trovano qui ottime condizioni per riprodursi e compiere il ciclo vitale. Un territorio importante per la biodiversità che comprende la Riserva Regionale di Rocconi, l'Oasi Wwf Semproniano - Roccalbegna, la Riserva Provinciale di Pescinello (Roccalbegna) e la Riserva del Monte Labbro (Arcidosso) con al suo interno il Parco faunistico del Monte Amiata.

A PIEDI SI RITROVANO LE RADICI DELLA MAREMMA

Viaggiare a piedi dà l'opportunità, più che in altre esperienze di viaggio, di entrare in contatto con le comunità locali, con la cultura e le radicate tradizioni, la memoria del vissuto di genti geograficamente isolate, tra di loro e dal resto della regione, che in alcuni casi hanno vissuto fino a oggi di un'economia chiusa e limitata all'auto sostentamento. Nei lunghi inverni attorno ai focolari sono state create ricette uniche. In primavera e in estate, al calar del sole, dopo il lavoro nei campi, la gente si riuniva nei poderi e nelle piazze tra i casolari a cantare in rima racconti di principi, cavalieri, streghe e mostri fantastici, ma anche le vicende di contadini, pastori e donne del paese. Nell'Alta Valle dell'Albegna, in compagnia di un piatto caldo e un buon bicchiere di vino in qualche osteria si assapora ancora quel gusto antico e seguendo la musica ci si perde tra vicoli e vie del borgo in una festa al chiaror di luna.


Se ti è piaciuto l'articolo fai una donazione anche di un solo euro. Questo sito è finanziato dal contributo dei lettori. Grazie

26/02/2013
Carla Pau Guida Ambientale Escursionistica
Bosco Rocconi
Riserva Provinciale Pescinello
Cerm – Centro rapaci minacciati
Centro recupero animali selvatici Wwf
Necropoli etrusca del Puntone
Sistema Museale Amiata
Agriturismo Casal Fontani
Locanda la Pieve
Terre Brune Resort
Il Borgo di Sempronio
Tenuta Cortevecchia
Eco Campeggio Naturista Sasso Corbo
Locanda La Pietra
Agriturismo Fattoria Etrusca
Unione dei Comuni Montani Amiata Grossetana
Associazione Cella Sancti Miniati
Progetto Life Natura
Associazione Il Campanile di Petricci